Macfrut, il presidente di Ismea Frascarelli allo stand di Agrocepi – Smart Network Group

324

Il presidente Martinangelo: «Le tre parole chiave per ripartire sono qualità, innovazione e aggregazione»

Il presidente nazionale di Agrocepi , Corrado Martinangelo, ha dato oggi il benvenuto al presidente di Ismea, Angelo Frascarelli, che ha visitato lo stand (035, Padiglione B1) di Smart Network Group, realizzato in partnership con Agrocepi, a Macfrut, nella prima giornata della fiera dedicata all’ortofrutta organizzata da Cesena Fiere a Rimini.

«Ringraziamo anche la Simest, la Società del Gruppo Cassa depositi e prestiti – ha detto il presidente nazionale di Agrocepi – che ha supportato con un’agevolazione la partecipazione delle nostre imprese a Macfrut, la manifestazione fieristica di riferimento per l’ortofrutta. Con il presidente di Ismea Frascarelli ci siamo confrontati sulle nuove opportunità di sviluppo offerte da Ismea e abbiamo illustrato il nostro progetto “Le filiere dei territori made in Italy” che si propone di aggregare aziende e reti di imprese capaci di condividere valori e obiettivi comuni di valorizzazione delle produzioni lungo la filiera ortofrutticola. Siamo convinti che per crescere e valorizzare le produzioni sia l’aggregazione la vera carta vincente».

«Ci auguriamo – ha detto il presidente di Ismea, Frascarelli – che si apra una fase nuova di sviluppo per l’ortofrutta e, come Ismea, continuiamo a monitorare due fattori, il primo è l’aumento dei costi di produzione e i prezzi praticati agli agricoltori. Dalla fine del 2021 è stata recepita la direttiva Ue sulle pratiche sleali che tutela i produttori agricoli impedendo che i prezzi vadano sotto i costi di produzione».

«Stiamo facendo come Ismea – ha continuato Frascarelli – un’analisi dei costi di produzione dei prodotti ortofrutticoli più importanti per verificare se, lungo la filiera, ci siano pratiche scorrette. Non dobbiamo però, oggi, basarci solo sui prezzi minimi alla produzione, ma garantire redditività creando valore nell’ortofrutta. Un obiettivo che si raggiunge solo cercando di soddisfare quelli che sono gli interessi dei consumatori. Chi acquista vuole principalmente informazione, vuole conoscere, ad esempio, gli aspetti salutistici di un prodotto e questo valore aggiunto della conoscenza del prodotto lo si crea con un approccio di filiera e con gli strumenti della digitalizzazione e dell’innovazione».

Il presidente nazionale di Agrocepi, Martinangelo, ha ricordato che a breve Ismea, come ogni anno, metterà a disposizione una nuova opportunità di finanziamento, la misura “Più Impresa”, la misura che si propone di favorire il ricambio generazionale in agricoltura e ampliare le aziende condotte da giovani e donne. «È stato pubblicato il 22 aprile scorso il quinto bando sui contratti di filiera del settore agroalimentare – ha continuato Martinangelo – e come Agrocepi abbiamo intenzione di puntare su nuove aggregazioni di filiera coinvolgendo sempre più imprese».

«Anche in questo periodo di crisi, legata sia all’emergenza pandemica che al conflitto russo-ucraino – ha ricordato il presidente nazionale di Agrocepi Martinangelo –, le tre parole chiave che sentiamo sempre pronunciare, qualità, innovazione e aggregazione, devono diventare fatti e consentire all’agroalimentare italiano di ripartire e compiere un ulteriore passo in avanti».

Smart Network Group con sede a Cosenza, mette a disposizione una lunga esperienza nel campo della comunicazione e marketing, ma soprattutto può vantare importanti accordi commerciali con aziende leader nel campo della comunicazione su tutto il territorio nazionale.
Agrocepi, nata il 6 marzo del 2017 su impulso della Confederazione Europea delle Piccole imprese, promuove, rappresenta, tutela, e coordina un gruppo di imprese, per favorirne il consolidamento e l’aggregazione lungo la filiera. Si parte dalla produzione attraverso l’industria di trasformazione , per arrivare fino alla distribuzione. (www.agrocepi.it -segreteria@agrocepi.it).
RheAura è un’Op (Organizzazione di produttori) ortofrutticola di livello nazionale, che commercializza le produzioni delle cooperative agricole associate, frutta e ortaggi freschi, facendo dell’integrazione di territori, competenze, cicli produttivi e stagionali, il suo punto di forza. Nella sua attività RheAura ha deciso di investire nell’innovazione per aumentare produttività e qualità nel rispetto dell’ambiente (www.rheaura.it – info@rheaura.it).
OrtoRomi, con sede a Borgoricco (Pd), è un’Op che produce e coltiva insalate e radicchi. Dal 1999 si è specializzata nella IV gamma e nel 2006 si è trasformata in cooperativa per gestire l’intera filiera, dal seme alla vendita finale di un prodotto che garantisce elevati standard qualitativi. Alla cooperativa aderiscono oggi oltre 40 aziende agricole (info@ortoromi.it).
Ria (Rete Innovazione Agricola) è una rete d’impresa composta da 25 aziende sia di produzione e di trasformazione che di distribuzione operanti, quindi, lungo tutta la filiera ortofrutticola. Ha sede a Firenze, ma respiro interregionale avendo partecipanti anche in Toscana, Campania, Sardegna, Puglia e Basilicata (info@innovazioneagricola.net).

Orti del Mediterraneo Società Agricola nasce in provincia di Napoli con lo scopo di coltivare e produrre eccellenze orticole campane come asparagi, cicorino rosso e verde, spinacino, spinacio, aglio, e patate. I prodotti prima della vendita devono superare diversi valutazioni in termini di qualitativi (gliortidelmediterraneo@legalmail.it).

NaturaSana Società Cooperativa Agricola si occupa di lavorare, essiccare e commercializzare all’ingrosso e al dettaglio nocciole, semilavorati, frutta secca, nocciole in guscio, tostate, sgusciate. Gestisce e valorizza prodotti tipici ed eccellenze della Tuscia viterbese (https://naturasana.shop).

SHARE