I primi frutti dell’ impegno di Agrocepi

350

Il 13 Luglio, dopo aver promosso 6 contratti di filiera nazionali, Agrocepi partecipa alla cerimonia d’inaugurazione dell’ industria della frutta in guscio nel territorio della Nocciola Igp di Giffoni per un valore di circa 7 milioni di euro, l’ inizio di uno dei cantieri previsti nel progetto che vedono coinvolti i territori della Campania, Puglia e Sardegna.
Nasce quindi il polo nazionale della nocciola e della frutta in guscio Made in Italy.
Tutto è pronto per l’imminente apertura del cantiere per la costruzione dell’impianto industriale che verrà alla luce in contrada Monaci.
Lunedì alle 18,00, alla presenza dell’ Onorevole Franco Picarone, Presidente della Commissione Bilancio Regione Campania, dell’ Onorevole Piero De Luca, componente della Commissione politiche comunitarie alla Camera dei Deputati, del sindaco di Giffoni Valle
Piana, Antonio Giuliano e di Corrado Martinangelo, presidente nazionale Agrocepi, con l’amministratore delegato Francesco Casillo e tutti i massimi esponenti del gruppo “Soleo srl”, ViSa Nuts, Parisi, aziende leader in Campania per la lavorazione, trasformazione e valorizzazione della frutta secca, daranno il via libera all’inizio dei lavori.
L’opificio industriale e commerciale nascerà in contrada Monaci su un’area di oltre diecimila metri quadrati. Il progetto è stato redatto dal geometra locale Giuseppe Di Maio.
Arriva una boccata d’ossigeno nell’ambito dell’occupazione.
Nei piani della società previste con le scuole del territorio progetti mirati alla formazione ed all’interno dell’azienda un’ apposita area destinata alla degustazione dei prodotti agricoli con la regina della tavola italiana a marchio IGP la nocciola di Giffoni e la Castagna.
Il gruppo Soleo srl, presieduto da Francesco Casillo e diretto da Salvatore Ranieri, rimarcano che l’impianto il Polo Nazionale della nocciola e della frutta in guscio diventerà un volano di sviluppo agricolo di grande prestigio per gli stessi produttori, associazioni e Consorzio di tutela Nocciola di Giffoni.

SHARE